segreteria@contegiacomini.net

Inviaci una mail

+39 010 83 15 280

Chiamaci per una consulenza

Facebook

Search

Tempi duri per i ritardatari. Pagare in tempo non sembra, ma conviene!

Conte & Giacomini Avvocati > Diritto Civile ed Internazionale  > Tempi duri per i ritardatari. Pagare in tempo non sembra, ma conviene!

Tempi duri per i ritardatari. Pagare in tempo non sembra, ma conviene!

The Italian Antitrust Authority can condemn the companies that pay (often) late (article 9, 3bis law n. 143/1998 as amended in 2011) .

La disciplina italiana contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali è dettata dall’ormai risalente Decreto Legislativo n. 231 del 9 ottobre 2002 (e successive modifiche ed integrazioni).

Si tratta di una normativa di diretta derivazione europea (i riferimenti sono infatti la Direttiva 2000/35/CE e più recente Direttiva 2011/7/UE). Con esse l’Unione ha cercato di porre un freno alla diffusa prassi commerciale di imposizione di termini dilatori di pagamento in quanto la puntualità nei pagamenti contribuisce alla realizzazione di un contesto di corretto confronto competitivo tra imprese.

Nel 2011, per rafforzarne l’applicazione, il legislatore nazionale ha attribuito all’AGCM (cfr. art. 9 comma 3bis della legge 18 giugno 1998 n.143) un potere sanzionatorio qualora i termini di pagamento imposti per legge siano violati in maniera “diffusa e reiterata”.

Tale potere dell’AGCM è stato normativamente inserito nella Legge sulla c.d. subfornitura che disciplina anche l’abuso di dipendenza economica  in quanto si è deciso di sanzionare nello stesso modo anche chi  viola la disciplina sui ritardi di pagamento. Per essi “l’abuso si configura a prescindere dall’accertamento della dipendenza economica”.

L’AGCM ha già applicato tale disciplina nel 2016: ed infatti dopo aver accertato che la Società indagata aveva violato in maniera reiterata e diffusa la disciplina sui termini di pagamento (i pagamenti ai fornitori avvenivano sistematicamente a 120 giorni, in spregio alla legge) ha condannato l’impresa al pagamento di 800.000 euro.

Pagare tempestivamente quindi conviene!