segreteria@contegiacomini.net

Inviaci una mail

+39 010 83 15 280

Chiamaci per una consulenza

Facebook

Search

Navi in manutenzione? il pieno si fa esentasse

Conte & Giacomini Avvocati > Diritto Marittimo, Portualità e Trasporti  > Navi in manutenzione? il pieno si fa esentasse

Navi in manutenzione? il pieno si fa esentasse

navale

E’ noto che il rifornimento destinato all’impiego nella navigazione in acque comunitarie è esente da accisa.

Meno noto, forse, è che, attraverso una circolare del Ministero delle finanze l’esenzione è stata estesa anche al rifornimento di navi “temporaneamente poste in disarmo per provvedere alle consuete operazioni di manutenzione”, purché “mantenute in condizioni di pronta navigabilità (disarmo attivo)” e con “costante presenza di personale di equipaggio a bordo”.

Il rispetto di tali requisiti, contestato dall’Agenzia delle dogane di Genova a una nota compagnia di navigazione, è stato confermato lo scorso ottobre da un’articolata e interessante pronuncia della Commissione tributaria provinciale di Genova.

In breve i magistrati della Lanterna hanno respinto la linea dell’Agenzia secondo cui, all’esenzione, nella specie, ostavano:

–           la carenza di equipaggio (ritenuta, invece, congrua ove “rapportata alle esigenze proprie della manutenzione del natante”)

–           la circostanza che alcune parti dei motori delle navi rifornite si trovavano (non a bordo ma) in riparazione presso ditte specializzate (circostanza ritenuta irrilevante, dal momento che i motori interessati non si trovavano sullo stesso asse, e vi erano, comunque, altri 2 motori che rendevano possibile la pronta navigazione).

Gli armatori  con navi in manutenzione potranno, quindi, richiedere (ove ne ricorrano i requisiti) l’esenzione da accisa sui  rifornimenti di carburante.

Per il passato, inoltre, si potrebbe ancora essere in tempo per domandare il rimborso delle accise.

L’uovo di Colombo, insomma o, è il caso di dirlo, l’uovo di Pasqua!