segreteria@contegiacomini.net

Inviaci una mail

+39 010 83 15 280

Chiamaci per una consulenza

Facebook

Search

Diritto Unione Europea e Antitrust

Conte & Giacomini Avvocati > Diritto Unione Europea e Antitrust

La Corte Costituzionale tedesca ed il Recovery. L’Italia è al centro dell’attenzione.

Il 9 maggio 2021 ricorre il 71° anniversario dalla Dichiarazione Schuman sull’Europa. L’allora Ministro degli Esteri francese Robert Schuman, uno dei padri fondatori dell’Europa, proponeva la creazione di una Comunità europea del carbone e dell’acciaio (CECA),promossa da Francia e Germania ed alla quale aderirono Italia,Paesi Bassi,Belgio e Lussemburgo, che sarebbe stata istituita col Trattato di Parigi dell’aprile ’51  cui sarebbe seguito il Trattato di Roma, firmato il 25 marzo ’57, che diede vita alla Comunità Economica Europea (CEE). Schuman partiva certamente da un fattore economico strategico ma lo fondava su una base ideale e politica affermando che la fusione delle produzioni...

Continue reading

Servono super tecnici per usare i fondi UE.

Ovviamente e,purtroppo,solo a causa dei tragici effetti della pandemia in atto da un anno, si parla di Europa. In termini spesso confusi, ma se ne parla. Prendendo atto,positivamente o negativamente,del fatto che determinate sfide globali (non solo quella posta dal Covid-19)non sono alla portata dei singoli Paesi membri dell’Unione. E’ già un risultato. Il sistema Europa, come sappiamo, rende oggi disponibili per gli Stati notevoli risorse (in parte a debito, in parte a fondo perduto) che rappresentano un’occasione davvero straordinaria di investimenti strutturali capaci (in astratto) di dare una svolta innovativa di lungo periodo. Parliamo non solo delle politiche durevoli di espansione monetaria...

Continue reading

Fiscalità per le Autority Portuali (Aiuti di Stato) e concessioni di spiagge (Direttiva Bolkestein): confrontarsi con l’Europa.

Sono due problemi vecchi che arrivano “al pettine” Cominciamo dal primo. La querelle relativa al regime fiscale delle Autority Portuali, come ormai sanno anche i non addetti ai lavori, è strettamente legata al sensibilissimo tema europeo della concorrenza e degli aiuti di Stato la cui base giuridica, come si usa dire, è costituita dagli art. 107 e segg. del Trattato sul Funzionamento della UE (TFUE). In parole semplici, gli Stati membri, in via generale, non possono elargire aiuti diretti né indiretti (anche attraverso agevolazioni fiscali) alle imprese nazionali, favorendone talune e falsando o minacciando di falsare la concorrenza sul mercato interno dell’UE. La prima...

Continue reading

Macellazione rituale e stordimento: la pronuncia della Corte di Giustizia UE.

Stamane la Corte di Giustizia UE ha pubblicato la sua sentenza nella causa C‑336/19, nata da un rinvio pregiudiziale da parte della Corte Costituzionale belga dopo che varie associazioni ebraiche e islamiche hanno impugnato il decreto della Regione delle Fiandre del 7 luglio 2017, che ha vietato la macellazione degli animali mediante riti tradizionali ebraici e islamici e imposto lo stordimento degli animali prima della macellazione, al fine di ottenerne l’annullamento totale o parziale. Si tratta di una sentenza dalla portata “storica” poiché la Corte ha chiarito inequivocabilmente che una normativa nazionale di uno Stato membro che imponga, nell’ambito della macellazione...

Continue reading

Fiscalità per le Autority Portuali (Aiuti di Stato) e concessioni di spiagge ( Direttiva Bolkestein): confrontarsi con l’Europa.

Sono due problemi vecchi che arrivano “al pettine” Cominciamo dal primo. La querelle relativa al regime fiscale delle Autority Portuali, come ormai sanno anche i non addetti ai lavori, è strettamente legata al sensibilissimo tema europeo della concorrenza e degli aiuti di Stato la cui base giuridica,come si usa dire, è costituita dagli art. 107 e segg. del Trattato sul Funzionamento della UE (TFUE). In parole semplici, gli Stati membri, in via generale, non possono elargire aiuti diretti né indiretti (anche attraverso agevolazioni fiscali) alle imprese nazionali, favorendone talune e falsando o minacciando di falsare la concorrenza sul mercato interno dell’UE. La prima domanda...

Continue reading

Il Green Deal della Commissione UE è la vera opportunità per l’Italia

Il Recovery and Resilience Facility per 560 miliardi (sussidi e prestiti di scopo) ed il Solvency Support Instrument per 31 miliardi (sostegno alle imprese),che si aggiungono al Fondo SURE (anti disoccupazione), alla nuova , temporanea disciplina UE in materia di Aiuti di Stato, al poderoso Quantitative Easing della BCE denominato Pandemic Emergency Purchase Programme (PEPP), alla linea MES di finanziamento allo 0,1% e senza condizionalità, salva la destinazione delle risorse a investimenti connessi al sistema sanitario, costituiscono una mole impressionante e non scontata di interventi economici che la Commissione europea,spinta dalla moral-political suasion dal Parlamento e dalla BCE (gaffes comprese),...

Continue reading

COVID-19: la normativa italiana che regola in via straordinaria il settore del turismo.

I. Premessa. La normativa italiana in tema di annullamenti viaggi e rimborsi è prevista dal Codice del Turismo e dal Codice del Consumo. In particolare, l’art. 1463 del Codice Civile e l’art. 41, comma 4, del D.Lgs. n. 79/2011 cd. “Codice del Turismo”, prevedono che: “ In caso di circostanze inevitabili e straordinarie verificatesi nel luogo di destinazione o nelle sue immediate vicinanze e che hanno un’incidenza sostanziale sull’esecuzione del pacchetto o sul trasporto di passeggeri verso la destinazione, il viaggiatore ha diritto di recedere dal contratto, prima dell’inizio del pacchetto, senza corrispondere spese di recesso, ed al rimborso integrale dei pagamenti...

Continue reading

L’Europa è adesso. A partire dalla nuova disciplina approvata il 19 marzo dalla Commissione UE che rivoluziona la materia degli Aiuti di Stato a sostegno dell’economia degli Stati membri.

Qualche sforzo per capire le criticità europee che si manifestano con estrema chiarezza in questa fase, dobbiamo farlo anche noi con molto realismo e lucidità. Per l’Italia, e non solo per l’Europa, è un’occasione imperdibile e l’emergenza che viviamo non permette ulteriori rinvii. E’ il momento delle decisioni storiche, quelle che richiedono visione strategica e che segnano i decenni a venire. Innanzitutto provate a immaginare il caso in cui l’Italia possa trovarsi a gestire, da sola e contemporaneamente, la fase della ripartenza e l’uscita dall’Euro (e dall’Europa?) ed immaginate che una tale tempesta perfetta possa sia gestita da un Governo sovranista guidato...

Continue reading

Schengen, l’Europa e…i nostri concittadini residenti che intendono tornare in Italia.

L’accordo Schengen nasce nel giugno 1985 e si completa con la Convenzione firmata il 19 giugno 1990 entrata in vigore nel 1995. Dal 1999 questo insieme normativo, inizialmente di diritto internazionale tra i 5 Paesi europei sottoscrittori (Belgio,Francia,Germania,Lussemburgo e Paesi Bassi), è stato integrato nel diritto UE ed è parte importante della legislazione euro unitaria. Oggi 22 Paesi Membri vi hanno aderito , oltre ad altri 4 Paesi non Membri(Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera). Inghilterra e Irlanda non ne sono mai state parte. Detto questo, e rimanendo all’essenziale prima di arrivare al punto, è importantissimo avere chiaro che questo accordo, in condizioni ordinarie...

Continue reading